Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Company Logo


orologi-e-gioielli-di-marca-in-offerta

sexyshop online

Dieta Dimagrante, perdere peso scegliendo la giusta dieta dimagrante tra le 10 più famose

Scegli la giusta Dieta Dimagrante

misureDevo assolutamente perdere peso!! Da lunedì sono a dieta!!! E si chissà quante volte ognuna di noi ha pronunciato questa triste frase e poi, non sapendo a quale lunedì si riferiva, la dieta dimagrante non l'ha mai cominciata, e se pur voleva cominciarla è stato più il tempo perso a cercare sul web informazioni sulla più efficace, veloce e meno drastica dieta per dimagrire che i risultati ottenuti, perchè, diciamolo pure mangiare è bello, e la nostra cucina italiana è ricca di ricette squisite.

Personalmente sono dell'opinione che la migliore dieta per dimagrire è quella di mangiare un po' di tutto con moderazione, lasciando pure spazio ogni tanto a qualche piccolo peccato di gola, bere molta acqua e fare almeno 3 volte a settimana un po' di sano movimento.

Ma per chi ancora è alla ricerca della dieta dimagrante “giusta” di seguito troverete le 10 diete dimagranti più famose che negli ultimi anni nel bene o nel male hanno fatto parlare di loro:

Le 10 diete più famase

 


 

Dieta Dissociata

Torna all'indice diete

Descritta per la prima volta negli anni '30 del Dott. William Howard Hay, è una dieta dimagrante che da la possibilità di perdere peso attraverso una corretta associazione dei cibi migliorando al massimo il processo digestivo. I cibi vengono così distinti in tre categorie principali: i carboidrati (pane, pasta, riso, patate legumi ecc.), proteine (carne, pesce, latticini, uova, formaggi) ed infine i così detti cibi neutri (olio, spezie, verdura)

Associare correttamente i cibi significa:

  • non combinare nello stesso pasto alimenti appartenenti alla categoria carboidrati con alimenti della categoria proteine, mentre possono essere consumati liberamente i cibi neutri.
  • non abbinare cibi proteici della stessa natura (ad esempio carne e pesce)
  • aumentare il consumo di cibi vegetali, quindi si a frutta, verdura, brodi vegetali, frullati, tutto a discapito dei cibi di origine animale
  • consumare i carboidrati nelle prime ore della giornata (preferire cibi con farine integrali rispetto alle raffinate) ed evitarli sopratutto a cena dove vanno consumati cibi proteici
  • non consumare verdure crude a cena perchè necessitano di più tempo per essere digerite
  • abbandonare l'abitudine di completare il pasto con la frutta che deve invece essere consumata in altri momenti della giornata.
  • consumare il pasto più abbondante tra le 12 e le prime ore del pomeriggio
  • fare passare almeno 3/4 ore tra un pasto e l'altro

Come tutte le diete dimagranti anche la dissociata è un modo di perdere peso che ha i suoi aspetti positivi e negativi, di sicuro però è molto efficace per chi ha problemi di sonnolenza dopo i pasti, bruciore di stomaco e problemi digestivi, oltre al fatto che essendo una dieta dimagrante qualche risultato in termini di linea deve darlo.

 


 

 

 

 

Dieta a Zona

Torna all'indice diete

Il termine "Zona" in farmaceutica è utilizzato per indicare la giusta dose di un farmaco affinchè questo risulti efficace.

La dieta Zona è stata ideata negli anni '90 Barry Sears il quale ritiene che il cibo sia un farmaco e come tale va quindi ingerito in quantità e tempi che ottimizzano la sua efficacia ottimizzando il metabolismo umano, con un conseguente equilibrio di particolari ormoni mantenendo una giusta proporzione tra insulina e glucagone.

Affinchè tutto possa avvenire, la Dieta Zona, prevede che ogni pasto o spuntino consumato abbia la seguente proporzione 30-40-30 (30% di calorie derivanti dalle proteine, 40% dai carboidrati e il restante 30% dai grassi).

Il cibo diventa così nelle giuste proporzioni la più potente medicina per il nostro organismo.

I sostenitori della dieta dimagrante Zona ritengono che attraverso questo regime alimentare, oltre a perdere peso, si ha una maggiore lucidità e concentrazione, maggiore efficienza celebrale, miglioramento della qualità del sonno e miglioramento dell'umore, maggiore fluidità del sangue e riduzione di malattie cardiovascolari.

 


 

Dieta Dukan

Torna all'indice diete

La dieta Dukan è una dieta per dimagrire divisa in quattro fasi, attacco,crociera,consolidamento e stabilizzazione.

  • Fase D'Attacco va seguita per 3 - 7 giorni e prevede il consumo di sole proteine pure, gli alimenti consentiti sono diversi dalla carne rossa (vitello cavallo, manzo), carne bianca (escluso anatra), tutti i tipi di pesce molluschi e crostacei, uova, latticini e formaggi magri e almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno.
  • Fase Di Crociera che non ha una durata prestabilita ma varia in base al peso da perdere, questa alterna giornate di alimentazione previste nella fase d'urto a giornate in cui è possibile introdurre tutti i tipi di verdure cotte o crude escluso farinacei (patate, riso,piselli fave lenticchie ceci) e carciofi, ed è quella fase che ti porta al peso desiderato.
  • Fase Di Consolidamento, che dura circa 10 giorni per ogni chilo perso nelle due fasi precedenti e serve a ristabilire pian piano un equilibrio alimentare rintroducendo, se pur in quantità limitate, il consumo di carboidrati e farinacei.
  • Fase Di Stabilizzazione che è la quarta e ultima fase di questa dieta dimagrante, quella che andrebbe seguita per tutta la vita per non riprendere i chili persi. Quest'ultima fase non prevede particolari restrizioni o sacrifici bisogna solo avere l'accortezza di seguire poche semplici regole. Durante la settimana è possibile mangiare di tutto tranne un giorno a settimana, dove bisogna consumare solo cibi proteici (come fase d'attacco), consumare giornalmente crusca d'avena, e come per tutte le diete dove si vuole perdere peso fare dell'attività fisica.

Sembra che la Dieta Dukan sia tra le dieta per dimagrire che ha ricevuto i maggiori successi, forse perchè permette di perdere pesoin modo veloce, non trascurabile, però, è il fatto che essendo una dieta iperproteica si corre il rischio di sottrarre all'organismo vitamine, sali minerali e carboidrati, aumentando i rischi di malattie cardiovascolari, diabete e ipertensione, oltre al fatto che può procurare stitichezza alternata a diarrea e affaticamento del fegato.

 

Alimenti consentiti nella Dieta Dukan

alimenti consentiti dukanCarne

1. Bistecca di manzo, 2. filetto di manzo, 3. lombata, 4. roast beef, 5. bistecca di girello, 6. lingua, 7. bresaola, 8. scaloppa di vitello, 9. braciola di vitello, 10. rene, 11. fegato di vitello, 12. fette di prosciutto precotte (senza grasso o cotenna), 13. fette di pollo e tacchino precotte (senza grasso o cotenna), 14. Pancetta magra, 15. cacciagione (cervo, fagiano, pernice, lepre, gallo cedrone), 16. Coniglio o lepre.

 

Pesce-Frutti di Mare-Crostacei

17. Spigola, 18. merluzzo (fresco), 19. granchio o bastoncini di polpa di granchio (surimi), 20. sogliola limanda, 21. sogliola, 22. muggine grigio, 23. Eglefino (tipo di merluzzo), 24. nasello, 25. halibut, 26. aringa, 27. sgombro, 28. coda di rospo, 29. passera di mare, 30. merluzzo giallo o merluzzo carbonaro (nero), 31. trota arcobaleno / trota salmonata, 32. triglia, 33. salmone, 34. salmone affumicato, 35. sardine, 36. orata, 37. pesce skate, 38. pesce spada, 39. tonno, 40. rombo, 41. merlango, 42. uova di pesce (merluzzo, salmone, aringa).43. Calamari, 44. molluschi, 45. vongole, 46. granchio, 47. aragoste, 48. gamberi della Baia di Dublino, 49. astice, 50. gamberi del mediterraneo, 51. cozze, 52. ostriche, 53. gamberi, 54. mazzancolle, 55. scampi, 56. lumache di mare.

Pollame e Uova

7. Pollo, 58. pulcini, 59. fegato di pollo, 60. faraona, 61. struzzo, 62. piccione, 63. quaglia, 64. tacchino, 65. uova di gallina, 66. uova di quaglia.

Latticini non Grassi

67. Ricotta magra, 68. formaggio fresco non grasso, 69. yogurt greco non grasso, 70. formaggio quark magro, 71. latte scremato.

Vegetali e Ortaggi

72. Tofu, 73. carciofi, 74. asparagi, 75. melanzane, 76. barbabietola rossa, 77. Broccoli / broccoli viola, 78. cavoli: bianco  /rosso / Savoia / cavolfiore / cinese /  riccio / cavoli / cavoletti di Bruxelles, 79. carote, 80. sedano, 81. cicoria, 82. zucchine, 83. cetrioli, 84. finocchio, 85. fagiolini, 86. porro, 87. funghi, 88. cipolla, 89. palmito, 90. peperoni (dolci), 91. zucca, 92. ravanello, 93. rabarbaro, 94. foglie di insalata (tutti i tipi), 95. semi di soia, 96. spinaci, 97. rutabaga, 98. bietole, 99. pomodori, 100. rape.

 


 

Dieta Atkins

Torna all'indice diete

La dieta dimagrante Atkins prende il nome dal suo ideatore, è una dieta per dimagrire a bassissimi contenuti di carboidrati, in quanto si basa sul principio che levando al corpo i carboidrati questo prende l'energie necessarie per il suo funzionamento dalle proteine, che possono essere assunte a sazietà senza nessun limite di peso.

Nella prima settimana di dieta si ha una perdita di peso che va dai 2 ai 4 kg, nelle settimane succesive si stabilizza intorno a 1-2 kg.

Anche questa dieta come la dieta Dukan si divide in 4 fasi: Approccio, Perdita di peso, Pre-mantenimento e Mantenimento

  • La Fase di Approccio, dalla durata di 2 settimane,  prevede un consumo libero di carne, pesce, uova e formaggi, senza un limite di peso giornaliero, e un consumo di un massimo di 20 gr di carboidrati giornalieri (si consideri che 100 gr di pasta contengono 75 gr di carboidrati), sono vietate le bevande alcoliche, frutta, e bisogna fare un consumo limitato di caffè. Questa fase serve a cominciare a fare abituare l'organismo a bruciare più efficacemente i grassi e stabilizzare la glicemia.
  • La Fase di Perdita Peso prevede un aumento di carboidrati di 5 gr al giorno, rispetto alla precedente, fino a quando non si trova il livello critico di carboidrati per il dimagrimento, per capire quale sia il nostro livello critico bisogna fare un largo uso della bilancia pesapersone, se nell'arco di una settimana ci si rende conto che non si riesce più a perdere peso, bisogna diminuire nuovamente di 5 gr i carboidrati giornalieri, fino a che si nota una diminuzione peso  che va dai 500 ai 1400 gr alla settimana. Questa fase va seguita fino a quanto il peso raggiunto sia di ca 5 kg superiori al peso desiderato.
  • Nella terza fase detta Pre-mantenimento bisogna aumentare i carboidrati di 10 gr al giorno, fino a quando ci si accorge che la perdita di peso non è superiore a 500 gr alla settimana.
  • La quarta e ultima fase di mantenimento si basa sul fatto che ogni individuo ha imparato a conoscere il proprio corpo ed è consapevole di quali sono le quantità di carboidrati assunti che lo fanno ingrassare, e si regoli di conseguenza.

Questa è sicuramente una dieta per dimagrire molto difficile da seguire nel tempo, in quanto impone un controllo continuo, anche dopo aver raggiunto il peso desiderato, del consumo di carboidrati, è una dieta che si avvicina poco alle abitudini alimentari mediterranee, l'alto consumo di proteine animale inoltre crea una carenza di sali minerali e vitamine al nostro corpo causando stitichezza e impone un maggior lavoro ai reni per trasformare ed eliminare tutte le scorie proteiche.

Va seguita per un periodo non superiore ai tre mesi ed è possibile perdere peso fino a 20 kg.

 


 

Dieta Scarsdale

Torna all'indice diete

Il regime alimentare da intraprendere per chi vuole intraprendere la dieta dimagrante Scarsdale è quello di aumentare il consumo di proteine, diminuendo drasticamente quello di carboidrati.

Le regole principali della dieta Scarsdale sono:

  • Mangiare rigorosamente solo gli alimenti giornalmente previsti dalla dieta;
  • In caso di fame tra un pasto e l'altro è possibile mangiare solo carote o sedano senza limiti di quantità;
  • Non bere assolutanmente bevande alcoliche, via libera invece a caffè tè e tisane;
  • Non usare olio maionese o altri grassi per condire le insalate ma solo aceto o limone;
  • La carne consumata deve essere di tipo magra e in caso di pollame senza pelle, cucinata senza olio burro, margarina o altri grassi;
  • Non è necessario mangiare tutto quello che è elencato nella dieta, ma non bisogna fare sostituzioni o aggiunte;
  • Bere almeno 2 litri di acqua al giorno;
  • ultima regola non meno importante questo tipo di dieta dimagrante va seguita per un periodo continuativo di massimo 14 giorni.

Sicuramente questa non è una dieta per dimagrire equilibrata (ecco perchè il limite di 14 gg), è sconsigliata da alcuni esperti in quanto può causare carenze di vitamine, sovraccarico ai reni e disidratazione. Non è una dieta adatta a chi fa sport in quanto ha un apporto calorico molto basso.

 

Menù settimanale della dieta scarsdale

 

Prima colazione (tutti i giorni): mezzo pompelmo o frutta di stagione; 1 fetta di pane integrale tostato, senza nulla; caffè o tè (senza zucchero, latte, panna).

 

bisteccaLunedì

Pranzo: carni fredde arrostite a vostra scelta: carni magre, pollo, tacchino, lingua, manzo magro; pomodori affettati, alla griglia, in umido; caffè, tè o acqua tonica dietetica.

Cena: pesce magro o crostacei di qualunque genere, cucinati senza né olio né burro o altri grassi; insalata mista con tutti i pomodori e verdure che desiderate; 1 fetta di pane alle proteine o pane integrale tostata; pompelmo o frutta di stagione; caffè o tè.

 

Martedì

Pranzo: macedonia di frutta a volontà; caffè o tè.

Cena: hamburger magro alla griglia, abbondante; pomodori, peperoni, lattuga, sedano, olive, zucchine, olive o cetrioli; caffè o tè.

 

Mercoledì

Pranzo: insalata di tonno o salmone condita con limone o aceto; pompelmo o frutta di stagione; caffè o tè.

Cena: agnello arrosto affettato; insalata di lattuga, pomodori, peperoni, sedano, olive, zucchine, olive o cetrioli; caffè o tè.

 

Giovedì

Pranzo: due uova cucinate a piacere; jocca; zucchine o cavolini di Bruxelles o pomodori afftettati in umido; 1 fetta di pane integrale tostata; caffè o tè.

Cena: pollo arrosto o alla griglia; spinaci, peperoni, fagiolini, pomodori; caffè o tè.

 

Venerdì

Pranzo: formaggi magri assortiti; spinaci a volontà; 1 fetta di pane alle proteine o pane integrale tostata; caffè o tè.

Cena: pesce magro o crostacei di qualunque genere, preparati senza né olio né burro o altri grassi; insalata mista con tutti i pomodori e verdure che desiderate; 1 fetta di pane integrale tostata; pompelmo o frutta di stagione; caffè o tè.

 

Sabato

Pranzo: macedonia di frutta a volontà; caffè o tè.

Cena: pollo arrosto o alla griglia; spinaci, peperoni, fagiolini, pomodori; caffè o tè.

 

Domenica

Pranzo: tacchino o pollo caldo o freddo; pomodori, carote, cavolo cotto, broccoli o cavolfiore; pompelmo o frutta di stagione; caffè o tè.

Cena: vitello arrosto magro a volontà; insalata di lattuga, cetrioli, sedano,pomodoro, zucchine; caffè o tè.

 


 

 

 

Dieta del Gruppo Sanguigno

Torna all'indice diete

dieta del gruppo sanguignoPer perdere peso con la dieta dimagrante del gruppo sanguigno o Emodieta, come dice il nome stesso, è sufficiente conoscere il proprio gruppo sanguigno e seguire delle semplici indicazioni consumando prevalentemente i cibi compatibili con il proprio gruppo sanguigno ed evitare quelli no.

I gruppi sanguigni sono quattro e precisamente 0 – A – B – AB, di seguito vediamo quali alimenti privilegiare in base al gruppo di appartenenza:

Gruppo 0

Quello del cacciatore, formatosi quando la caccia era il principale mezzo di sostentamento degli uomini. Gli appartenenti a questo gruppo sanguigno si caratterizzano per un sistema immunitario attivo e per un apparato digerente robusto, mentre lo stomaco e le articolazioni sono i loro punti deboli.

Alimenti compatibili gruppo sanguigno zero:

Agnello, cervo, cuore, daino, fegato, manzo, montone, vitello, anatra, coniglio, fagiano, pollo, quaglia, tacchino, Aringhe, luccio, merluzzo, nasello, persico, spada, salmone, sardine, sgombro, sogliola, trota, acciughe, aragosta, calamari, carpa, cernia, capasanta. Uova crude. Burro, formaggio di capra, di soia, mozzarella di bufala. Olio di lino e di oliva , olio di riso. Frutta secca ( noci, nocciole, mandorle, castagne, pinoli ). Fagiolini dell’occhio, fagioli neri, piselli, fave, soia, riso, farro, orzo, grano saraceno, kamuth, aglio, bietole, broccoli, carciofi, cavolo rapa, cavolo verde, cicoria, cipolle, lattuga, patate dolci, peperoni rossi, porro, prezzemolo, rapa, rafano, spinaci, tapinambur, zucca, asparagi, barbabietola, fichi freschi e secchi, prugne nere e rosse anche secche.

Alimenti NON compatibili gruppo sanguigno zero:

Maiale, oca, salumi, caviale, pesce gatto, polpo, salmone affumicato. Brie, camembert, Emmenthal, gelato, gorgonzola, latte di capra e di vacca, formaggi freschi, parmigiano, provolone, ricotta, siero di latte, yogurt, tomini, suisse. .Olio di arachidi, mais, cartamo. Arachidi, pistacchi, noci brasiliane. Fagioli bianchi, lenticchie, tamarindo, frumento, mais, avena, funghi, cavolfiore, cavolini di Bruxelles, melanzane, cavolo bianco, cavolo rosso, olive nere, senape, patate bianche e rosse, pomodoro. Arance, fragole, mandarini, more, meloni, noce di cocco, rabarbaro. Aceto balsamico, di vino, di mele, amido di mais, noce moscata, sottaceti, verdure in agrodolce, bevande gasate, caffè, thè, liquori, pepe, sidro, vaniglia, ketchup.

Gruppo sanguigno A 

E' quello degli agricoltori e a differenza del gruppo sanguigno 0, quello A deve incentrare la propria alimentazione su verdura, frutta, cereali e soia, mentre è da evitare quasi completamente la carne.

Alimenti compatibili gruppo sanguigno A:

Pollo, tacchino, cavallo. Carpa, cernia, lumache merluzzo, ombrina, pesce spada, storione, tonno, pesce persico, salmone sardine, trote, palombo. Uova crude. Latte e formaggio di soia, formaggio di capra, ricotta e mozzarella magra, kefir, yogurt. Olio di oliva spremuto a freddo, di lino, di fegato di merluzzo, di borragine, di riso, di girasole, di zucca, di ribes. Arachidi, burro di arachidi, semi di zucca, castagne, mandorle, nocciole, noci, noci americane, pinoli, semi di girasole. Fagioli neri, verdi, fagiolini, lenticchie rosse e verdi , soia rossa ,fave, piselli, grano saraceno, orzo, farro, mais, avena, kefir, camut, miglio, aglio, bietole, broccoli, carciofi, carote, cavolo rapa, cavolo verde, cicoria, cipolle, lattuga, porri, prezzemolo, rafano, rape, spinaci, topinambur, verza, zucca, asparagi, barbabietole, cavolfiore, cavolini di Bruxelles, cetrioli, finocchio, radicchio, olive verdi, ravanelli, scalogno, sedano, zucchini. Albicocche, ananas, ciliegie, fichi freschi e secchi, limoni, mirtilli, more, pompelmo, prugne, uva sultanina, anguria, cachi, datteri, fragole, kiwi, lamponi, melograno, mela, melone, pere, pesche, ribes, uva bianca e nera.

Alimenti NON compatibili gruppo sanguigno A:

Agnello, anatra, cervo, coniglio, cuore, daino, fagiano, fegato, maiale, manzo, montone, oca, pernice, quaglia, salumi. Acciughe, anguilla, aragosta, aringa, calamari, caviale, capesante, cozze, gamberi, granchi, sogliola, nasello, ostriche, passera, spigola, polpo, rane, salmone affumicato, vongole. Brie, burro, camembert, emmenthal, formaggini, formaggio fresco, gelato, gorgonzola, latte intero, latte scremato, parmigiano, provolone, tomini, suisse , siero di latte, di arachidi, di mais. Noci del Brasile, pistacchi, fagioli bianchi, ceci, fagioli rossi, tamarindo, frumento, germe di grano, semola, segale, crusca, cavolo bianco e rosso, funghi,,mellanzane, olive nere,pattatte, peperoncino, peperoniirossiiegiialllii,,pomodorii. Arancia, banana, mandarini, mango, noce di cocco, papaia, rabarbaro. Aceto, capperi, pepe, ketchup. Il gruppo sanguigno B è il gruppo dei nomadi, e rappresenta il momento di passaggio dall’agricoltura alla pastorizia.

Gruppo B 

Gli appartenenti a questo gruppo sanguigno si caratterizzano per un apparato digerente forte, per essere molto adattabili e per avere un sistema immunitario attivo; possono seguire una dieta bilanciata e molto varia.

Alimenti compatibili gruppo sanguigno B:

Agnello, cervo, coniglio, daino, montone, manzo, tacchino, vitello. Caviale, cernia, luccio, merluzzo, nasello, passera, salmone, sardina, sgombro, sogliola, trota, aringa, calamaro, ombrina, palombo, persico, pesce gatto, tonno, spada, salmone. Formaggio di capra, latte di capra, mozzarella, ricotta, yogurt, brie, burro, emmenthal, formaggio di soia. Olio di oliva, di merluzzo, di lino, di riso. Fagioli bianchi, soia rossa, piselli, fagioli rossi e verdi, fagiolini, fave, crusca, farro, riso, miglio, farina di frumento, farina di riso, farina di avena. Uova crude. Barbabietole, broccoli, carote, cavolfiore, cavolini di Bruxelles, cavolo bianco, rosso e verde, melanzane, patate dolci, peperoni gialli e rossi, peperoncino, prezzemolo, verza, aglio, asparagi, cavolo rapa, cipolle, finocchi, lattuga, indivia, patate bianche e rosse, porro, radicchio, rape, sedano, spinaci, zucchini. Ananas, banane, mirtilli, papaia, prugne,uva bianca e nera, albicocche, anguria, arancia, ciliegie, datteri, fichi, fragole, kiwi, lamponi, limoni, mandarini, mele, meloni, more, pere, pesche, pompelmo, prugne, ribes nero e rosso.

Alimenti NON compatibili gruppo sanguigno B:

Anatra, cuore, maiale, oca, pollo, pernice, quaglia, salumi. Acciughe, anguilla, aragosta, cozze, gamberi, granchi, lumache, ostriche, polpo, rane, salmone affumicato, vongole. Latte intero, parmigiano, provolone, siero di latte, tomini, suisse, gorgonzola, gelato. Olio di arachidi, di girasole, di mais, di sesamo, di arachidi, di nocciole, semi di zucca, di girasole, ceci, fagioli neri, lenticchie rosse e verdi comuni, crusca,farina di frumento 00, farina di mais, orzo, segale, couscous, farina d’orzo, grano saraceno, carciofi, cimette di ravanelli, mais, olive greche, nere e verdi, pomodoro, ravanelli, zucca, topinambur, avocado, cachi, fichi d’india, melograno, noce di cocco, rabarbaro. Ketchup, aloe, genziana, fieno greco, luppolo, tiglio, bibite gasate, liquori.

Gruppo AB 

E' chiamato l’enigmatico, perché si è formato recentemente dalla mescolanza del gruppo sanguigno A e di quello B; questo gruppo sanguigno è quello che può mangiare di tutto, possiede un sistema immunitario molto adattabile, anche se può soffrire di anemia e patologie cardiocircolatorie.

Alimenti compatibili gruppo sanguigno AB:

Agnello, coniglio. montone, tacchino, fegato,fagiano. Cernia, luccio, lumache, merluzzo, nasello, salmone, sardina, sgombro, storione, tonno, trota, calamari, caviale, cozze, palombo, persico, spada, sogliola. Formaggio fresco, formaggio di capra, latte di capra, mozzarella, yogurt, ricotta. Olio di oliva, di arachidi,di fegato di merluzzo, di lino, di borragine, di riso. Fagioli bianchi, rossi, lenticchie, soia rossa, piselli, fagioli cannellini, fagioli verdi, fagiolini, fave, tamarindo, crusca, farro, riso, miglio, farina di frumento, orzo, semola, aglio, barbabietola, broccoli, cavolfiore, cetrioli, melanzane, patate dolci, prezzemolo, sedano, verza, asparagi, carote, cavolini di Bruxelles, cavolo rapa, cicoria, cipolle, indivia, lattuga, patate bianche e rosse, pomodoro, porro, radicchio, rape, spinaci, zucca. Ananas, ciliegie, fichi freschi e secchi, limoni, mirtilli, pompelmo, prugne, uva bianca e nera, mele, pere, datteri, lamponi, fragole, ribes, pesche, noci, nocciole, castagne, arachidi, pinoli, pistacchi, mandorle.

Alimenti NON compatibili gruppo sanguigno AB:

Anatra, cervo, cuore, daino, maiale, manzo, oca, pernice, pollo, salumi, quaglia, vitello. Acciughe, anguilla, aragosta, aringa, gamberi, granchio, ostiche, passera, polpo, rane, salmone, spigola, vongole. Brie, burro, gelato, gorgonzola, latte, parmigiano, provolone, siero di latte. Olio di girasole, di mais, di sesamo, burro di girasole, di nocciole, semi di zucca e di sesamo. Ceci, fagioli di Spagna, fagioli dall’occhio, fave, mais, grano saraceno, carciofi, funghi, mais, olive nere, peperoncino, peperoni, ravanelli, topinambur. Arance, avocado, banane, fichi d’india, mango, melograno, noce di cocco, rabarbaro, succo d’arancia. Sottaceti, agrodolce, aceto balsamico, di lino , di mele, anice, pepe, gelatine, thè nero, caffè, bibite gasate.

 


 

Dieta a Punti

Torna all'indice diete

Ideata dal Dott. Razzoli negli anni '70 è un modo di perdere peso dove agli alimenti non viene dato un valore calorico ma un vero e proprio punteggio.

Questa dieta dimagrante permette di perdere i chili di troppo senza fare troppe rinuncie, infatti è possibile mangiare di tutto, ognuno può personalizzare a proprio gusto il menù giornaliero, stando però attenti che la somma dei punti degli alimenti scelti non abbia un punteggio totale superiore a 350, e facendo attenzione a poche semplici regole perdere i chili di troppo diventa una cosa possibile per tutti.

Per avere migliori risultati vi consigliamo:

  • fare 4 pasti al giorno;
  • preferibilmente usare dolcificante  o aspartame, che sono a punti zero, al posto dello zucchero;
  • se si utilizzano al giorno massimo 2 cucchiaini di olio non è necessario conteggiarli;
  • preferire cotture al vapore, alla griglia o al cartoccio che non esiggono condimenti;
  • al risveglio, prima di fare colazione,bere mezzo bicchiere d'acqua con del succo di limone;
  • bere almeno 2 litri di acqua al giorno;
  • durante la settimana è possibile risparmiare dei punti che possono essere consumati nel week end o in occasione di un pasto più abbondante, dove non sarebbe possibile rispettare il punteggio giornaliero, l'importante è consumarli nell'arco della settimana altrimenti vengono persi.

Tabella punti per 100 gr di alimento 

Pesce

  • acciuga o alice 27
  • anguilla 73
  • aragosta 24
  • calamaro 19
  • carpa 39
  • cozze 23
  • dentice 28
  • gambero 20
  • luccio 22
  • merluzzo 20
  • ostrica 19
  • polpo 16
  • sarda 36
  • seppia 20
  • sogliola 24
  • spigola 23
  • tonno 44
  • vongola 20
  • alici sott’olio 57
  • alici sotto-sale 36
  • anguilla marinata 72
  • aringa affumicata 54
  • aringa marinata 55
  • aringa salata 61
  • baccalà ammollato 26
  • baccalà secco 34
  • filetti di baccalà 29
  • salmone in salamoia 52
  • tonno sott’olio (sgocciolato) 72
  • tonno in salamoia (sgocciolato) 29

Carni

  • agnello 28
  • vitello 26
  • vitellone 31
  • bovino adulto 36
  • capretto 34
  • cavallo 31
  • coniglio 28
  • gallina 54
  • maiale (bistecca) 28
  • pollo (petto) 27
  • pollo (coscia) 36
  • tacchino (petto) 37
  • tacchino (coscia) 52
  • tacchino (ala) 54
  • mortadella 108
  • prosciutto crudo 103
  • cotto magro 61
  • cotto 114
  • salame 128
  • salsiccia di suino fresca 93
  • wurstel 72

Formaggi e latticini

  • latte di vacca intero 17
  • latte parzialmente scremato 14
  • scremato10 yogurt scremato 10
  • yogurt intero 18
  • grana grattugiato (un cucchiaio) 20
  • fior di latte 74
  • mascarpone 126
  • caciotta (di pecora) 101
  • fontina 95
  • formaggino 86
  • gorgonzola 99
  • grana 106
  • mozzarella 68
  • pecorino 102
  • ricotta di vacca 38
  • stracchino 83
  • panna 105
  • parmigiano 104
  • provolone 101
  •  scamorza 58

Cereali e derivati

  • biscotti secchi (uno) 8
  • brioche confezionata (una) 50
  • fette biscottate (una) 10
  • pane casareccio (1 fetta sottile) 20
  • rosetta (50g) 20
  • cornflakes 101
  • crackers salati 119
  • farina di frumento integrale 89
  • farina di frumento tipo 0 95
  • tipo 00 95
  • farina di riso 101
  • fiocchi d’avena 110
  • grissini 120
  • mais 99
  • orzo perlato 101
  • pane tipo 0 77
  •  pane tipo 00 81
  • pane di tipo integrale 68
  • panini all’olio 84
  • pasta di semola 99
  • pasta di semola con glutine 99
  • pasta all’uovo 102
  • pizza con pomodoro e mozzarella 75
  • riso brillato 101
  • tortellini 84

Verdure e legumi

  • patate novelle 19
  • patate 24
  • fagioli 29
  • fagiolini 5 
  • fave 10
  • piselli 21
  • ceci 93
  • lenticchie 90
  • piselli 85
  • aglio 11
  • barbabietole rosse 6
  • carciofi 6
  • carote 9
  • cavolfiore 7
  • cavoli di Bruxelles 10
  • cetrioli 4
  • cicoria 3
  • cipolle 7
  • finocchi 3
  • fiori di zucca 3
  • funghi porcini 6
  • lattuga 5
  • melanzane 4
  • pomodori 5
  • pomodori pelati in scatola 6
  • radicchio 4
  • sedano 6
  • spinaci 9
  • zucca gialla 5
  • zucchine 3

Frutta

  • albicocche 8
  • ananas 11
  • arance 9
  • banane 18
  • castagne 53
  • ciliegie 11
  • fichi 13
  • fragole 8
  • mandarini 20
  • mele 13
  • noci 162
  • pere 11
  • pesche 8
  • uva 17

Olio e grasso

  • burro 211
  • margarina 211
  • olio d’oliva 250
  • olio di semi vari 250
  • strutto 248

 Vari

  • uovo (uno) 43
  • cacao in polvere 123
  • maionese 182
  • cioccolata fondente 151
  • cioccolata al latte 157
  • gelato fior di latte 61
  • zucchero (saccarosio) 109

 

 


 

Dieta del Minestrone

Torna all'indice diete

La dieta dimagrante del minestrone tra le diete per dimagrire è sicuramente quella che ha più successo, indicata per chi deve perdere almeno 7/8 chili, è una dieta facile veloce e con un buon mantenimento promette di non riprendere i chili persi.

Sicuramente i primi giorni sono i più pesanti, ma perchè la dieta produca i suoi effetti deve essere seguita in modo consecutivo per almeno 7 giorni, e come si deduce dal nome l'alimento principale è il minestrone.

Per poter verificare i risultati ci si deve pesare al primo giorno e al quarto dove si potrà vedere un calo di 2-3 kg, ( se sono di più attenzione avete assunto meno calorie del previsto quindi reintegrate consumando 2 fette biscottate a colazione, al settimo giorno la perdita di peso si aggirerà sui 7 chili

L'azione disintossicante della dieta del minestrone può provocare nei primi giorni un pò di mal di testa o un'abbondante diuresi ma non c'è da preoccuparsi è del tutto normale, si consiglia però di cominciare la dieta nei week end in modo da essere liberi di impegni.

Nella fase di mantenimento bisogna rintrodurre le proteine e i carboidrati poco alla volta continuando a mangiare sempre tanta frutta e verdura.

Programma alimentare per 7 giorni

  • La dieta può essere ripetuta per 2-3 settimane consecutive, attenendosi però ogni volta scrupolosamente alla successione proposta dal primo al settimo giorno
  • Se si vuole ripetere più volte durante l' anno è bene far trascorrere almeno tre mesi dal termine del mantenimento.
  • Le varianti proposte possono essere seguite per rendere il programma alimentare più vario, ma si può naturalmente anche non farne uso, stare però attenti che la variane prenda il posto degli alimenti per i quali è indicata e non per altri a vostra scelta.
  • Quando non vi è nessuna indicazione sulle quantità dei cibi, questi possono essere consumati senza alcun limite, bisogna invece attenersi scrupolosamente alle dosi quando queste sono indicate,( il peso si riferisce sempre all'alimento crudo).

minestrone2Primo Giorno

Colazione: caffè o tè; mele e pere

Spuntino: succo di frutta non zuccherato

Pranzo: minestrone; mele

Merenda: succo di frutta non zuccherato

Cena: minestrone; pere

Variante: le mele e le pere previste possono essere sostituite da frutta a scelta, escluse uva e banane, che può essere anche cotta o in scatola senza zuccheri aggiunti.

Secondo Giorno

Colazione: caffè

Spuntino:

Pranzo: minestrone; bietole e cicoria o indivia e broccoletti cotti oppure radicchioverde

Merenda: tè o caffè

Cena: minestrone; 200 g di patate lesse con 10 g di burro

Variante: le patate con il burro possono essere sostituite da 350 a di funghi cucinati con 2 cucchiaini di olio extra vergine di oliva.

Terzo Giorno

Colazione: tè o caffè;pere e ananas

Spuntino: succo di frutta senza zucchero

Pranzo: minestrone; carote e carciofi crudi o cotti

Merenda: succo di frutta senza zucchero

Cena: minestrone; peperoni, melanzane e zucchine alla griglia

Variante: le pere e l’ananas della colazione possono essere sostituite da frutta a scelta (escluse uva e banane), che può essere anche cotta o in scatola senza zuccheri aggiunti.

Quarto giorno

Colazione: cappuccino preparato con 200 ml di latte scremato; banane

Spuntino: tè o caffè

Pranzo: 200 g di yogurt magro; una banana

Merenda:

Cena: minestrone; un frappé preparato con 200 ml di latte e una banana

Variante: i 200 g di yogurt del pranzo possono essere sostituiti da 150 g di ricotta o da 120 g di mozzarella o di gorgonzola o di caciotta.

Quinto giorno

Colazione: caffè

Spuntino:

Pranzo: 300 g di pesce al vapore (merluzzo, sogliola, nasello); pomodori

Merenda:

Cena: minestrone; 200 g di pesce alla griglia (orata, spigola, rombo)

Varianti: a pranzo i 300 g di pesce alla griglia possono essere sostituiti da 300 g di calamari o seppie alla griglia; a cena i 300 g di pesce alla griglia si possono sostituire con 150 g di tonno al naturale o con 100 g di salmone affumicato

Sesto giorno

Colazione: caffè

Spuntino:

Pranzo: una o 2 bistecche di vitellone o manzo alla griglia; zucchine e finocchi al vapore

Merenda:

Cena: minestrone; 300-400 g di pollo arrosto senza pelle

Variante: a cena al posto del pollo arrosto si possono mangiare 250 g di tacchino arrosto.

Settimo giorno

Colazione: caffè

Spuntino: succo di frutta senza zucchero

Pranzo: 150 g di riso integrale con verdure a piacere; asparagi, cipolle e carote al vapore

Merenda: succo di frutta senza zucchero

Cena: minestrone; barbabietole e cetrioli

Varianti: a colazione si possono aggiungere 2 fette biscottate integrali con 2 cucchiaini di marmellata senza zucchero.

 


 

Cronodieta

Torna all'indice diete

orologioLa Cronodieta, ideata nel 1992 da due medici italiani,è una dieta dimagrante che stabilisce quali sono le fasce orarie favorevoli per l'assunzione dei diversi alimenti.

Avendo l'organismo umano un profilo ormonale che varia nell'arco della giornata è preferibile assumere i carboidrati la mattina e le prime ore del pomeriggio e le proteine la sera.

Durante la giornata vanno consumati 5 pasti, colazione, spuntino, pranzo, merenda, cena.

La colazione  è il pasto più importante, da questo dipendono tutti i ritmi alimentari della giornata, la colazione va fatta al risveglio e l'energia prodotta da tale pasto non viene trasformata in grassi ma interamente consumata ecco perchè è possibile consumare uova, latticini, pane tostato burro e non limitarsi ad una fetta biscotata e un  caffè, per dolcificare usare zucchero grezzo o ancora meglio miele.

Nello spuntino di metà mattinata può andare bene un frutto o un succo di frutta che aiuta a non arrivare affamati all'ora di pranzo dove è possibile mangiare un piatto di pasta, riso o legumi, seguito da carne, pesce, uova o latticini, senza dimenticare una bella insalata. Si consiglia di preferire cibi integrali ai prodotti da farine raffinate, e dare precedenza al riso piuttosto che alla pasta.

A metà pomeriggio è buona abitudine fare merenda  consumando uno yogurt o del formaggio fresco, evitando caroidrati e frutta.

La cena, ultimo pasto della giornata, deve essere consumata con un sufficiente distacco dalle ore del sonno, la sera il metabolismo rallenta, sono da evitare quindi pasti abbondanti, si consigliano alimenti di origine animale, preferire il pesce alla carne,accompagnare sempre da una insalata.

 


 

Dieta 5:2 Fast Diet

Torna all'indice diete

fast dietLa dieta 5:2, proveniente dall'Inghilterra, molto in voga pure negli Stati Uniti, è sicuramente la dieta dimagrante tra le più discusse.

Seguendo un semplicissimo schema questa dieta permette di perdere peso in tempi brevi, tutto consiste nel mangiare liberamente a sazietà per 5 giorni a settimana e "digiunare" nei restanti 2, dove vanno assunte, nell'arco della giornata, massimo 500 calorie per la donna e 600 per l'uomo, che possono essere assimilate in un unico pasto o in più piccoli spuntini, l'importante è non superare questo limite.

Chi ha sperimentato questa dieta è Mister Mosley, che dice di aver perso lui stesso 10 chili in 9 settimane e di essere riuscito ad abbassare il livello del colesterolo nel sangue.

La perdita di chili avverrebbe in quanto, dopo alcune ore che ha inizio il digiuno, l'organismo comincia a non assimilare più grassi ma a smaltire quelli già presenti.

Molti nutrizionisti hanno già alzato le barriere contro la dieta dimagrante 5:2, sostenendo che una dieta di questo tipo non può essere seguita per lunghi periodi e che addirittura il nostro corpo ad una simile riduzione di calorie, nei due giorni di digiuno, risponde con un rallentamento del metabolismo e un conseguente aumento di peso. Pscologicamente poi questo digiuno potrebbe indurre a voler strafare nei cinque giorni liberi in quanto ci si sente autorizzati a mangiare.

Tra gli altri "effetti indesiderati" ci sarebbe pure ansia, irritabilità, disidratazione e alitosi.

Di sicuro c'è che questa è una dieta per dimagrire adatta ai golosi, a  chi non sa fare tante rinunce per lunghi periodi.




Powered and designed by: realizzazione siti web a palermo.